METTI LA MASCHERINA E STACCI DENTRO - Le interviste ai vincitori

Metti la mascherina e stacci dentro”, campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini più giovani, ma non solo, ha coinvolto oltre cinquanta partecipanti e migliaia di votanti. Nata dalla collaborazione tra Comune di Bologna e molteplici realtà del territorio, ha viaggiato sugli autobus Tper e tenuto compagnia a chi aspetta alla fermata.

Tanti ragazzi tra i 14 e i 19 anni hanno potuto presentare la propria idea di mascherina, attraverso disegni e progetti grafici… dal momento che è fondamentale indossarla, perché non usarla anche per rappresentare la nostra personalità? 

Dopo aver coinvolto il rapper Smezzo e riunito telematicamente una giuria di ragazzi, la finale ha visto accendersi un’agguerrita sfida su Instagram e infine il verdetto è stato raggiunto. La mascherina ideata dal vincitore è stata stampata e il suo progetto sta viaggiando proprio in questi giorni all’interno degli autobus. 

Inoltre i primi tre classificati Samuele Masotti, Tarnpreeet Kaur e Luigi Marcellinaro riceveranno un voucher e una tavoletta grafica. Noi li abbiamo intervistati! 

Ringraziamo anche l'Assessore alle Politiche per gli adolescenti, i giovani e la famiglia Elena Gaggioli, che ha promosso il contest.


La campagna "Metti la mascherina e stacci dentro" è promossa dal Comune di Bologna, pensata e realizzata dall'area Educazione, istruzione e nuove generazioni, dall'Ufficio Giovani, dai servizi educativi e scolastici dei quartieri, dalle cooperative sociali “La Carovana” e “Open Group” del Consorzio ScuTer, rispettivamente gestori del servizio di Educativa di strada e dei Centri di Aggregazione giovanile, e dall'associazione “Oltre".